Diagnostica e sicurezza delle strutture: ne parleremo al 2° Congresso Nazionale dell’Associazione CODIS, Firenze 7 ed 8 novembre 2019

Quelli che s’innamoran di pratica sanza scienzia, son come ‘l nocchiere ch’entra in navilio
sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada
Leonardo da Vinci
Nei giorni 7 ed 8 novembre si svolge a Firenze il 2° Congresso Nazionale dell’Associazione CODIS (www.codis-online.org).
L’evento sarà l’occasione per fare il punto su tante tematiche riguardanti la diagnostica e la sicurezza del costruito e la nuova figura dei laboratori prove in situ, attraverso seminari, tavole rotonde, dibattiti, in cui saranno presenti i maggiori esperti del settore.

CODIS (Associazione per il COntrollo, la Diagnostica e la Sicurezza di strutture, infrastrutture e Beni Culturali), ha sede a Roma e riunisce le più importanti realtà nazionali nel campo delle indagini e della diagnostica sull’esistente; la società d’ingegneria Sicuring ne è socia fondatrice.

Quest’anno l’associazione svolgerà il proprio congresso annuale a Firenze, presso il Florence Learning Center (via Perfetti Ricasoli,78).

L’evento si sviluppa in due giornate: nel pomeriggio della prima, 7 novembre, verrà discussa la nuova figura dei “laboratori prove in situ” nati con la recente modifica apportata dal DL SbloccaCantieri al DPR 380.

La seconda giornata, 8 novembre, prevede più sessioni parallele: la mattina vedrà direttamente partecipe la società Sicuring attraverso l’ing. Giacomo Mecatti, che è anche Segretario Generale dell’Associazione CODIS; nella specifica sessione Beni Culturali si tratterà l’approccio alle indagini, all’analisi, al calcolo, ed al ripristino di elementi in legno e muratura, spaziando fino a casi studio di beni artistici e vincolati, come: gli interventi svolti sulla struttura lignea portante dell’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci e la Basilica della Natività di Betlemme.

Altre sessioni parallele (sempre nella giornata dell’8) tratteranno il tema del Sismabonus e del Certificato di idoneità statica sulla base dell’esperienza dei diretti estensori delle linee guida della metodologia sviluppata dal Comune di Milano. Ed ancora, nella Sessione innovazione, si tratteranno i temi legati all’analisi ed al monitoraggio di opere civili in ambito dinamico, si parlerà di analisi predittiva dei fenomeni di idratazione nel calcestruzzo, e di diagnostica del degrado con tecniche front-end.
Previsti gli interventi dei più importanti esperti dei vari settori di competenza.L’accesso all’intero evento (seminari, tavole rotonde, convegni) è completamente gratuito.È previsto il rilascio di crediti formativi: per consentire la corretta assegnazione dei crediti formativi è pertanto richiesta la registrazione sul sito www.codis-online.org
sede dell’evento: Florence Learning Center (Via Perfetti Ricasoli, 78 – Firenze)
CREDITI FORMATIVI GRATUITI PER GEOMETRI, INGEGNERI, ARCHITETTI, GEOLOGI
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI:
www.codis-online.org

Vi aspettiamo quindi sicuramente alla Sessione Beni Culturali dell’8 Novembre:
ORE 9.30 – 13.30 SESSIONE BENI CULTURALI (c/o spazio AUDITORIUM)

Modera: ing. Giacomo Mecatti – Segretario Generale Associazione Codis

Il rapporto tra Arte e Scienza: Leonardo ed il percorso evolutivo dell’artista, quando il restauro diventa
scienza
(Catia Clementi – restauratrice docente Centro Europeo del Restauro di Firenze)

Tecniche diagnostiche e di monitoraggio su elementi lignei storici e moderni
(dott. Michele Brunetti – CNR Istituto per la Bioeconomia)

Diagnostiche laser remote per l’acquisizione di informazioni sulla composizione e la morfologia di
superfici monumentali
(dott.ssa Roberta Fantoni – Responsabile della div. Tecnologie Fisiche per la Sicurezza e la Salute ENEA)

Metodologie di recupero e consolidamento di elementi lignei in opera
(dott. Benedetto Pizzo – CNR Istituto per la Bioeconomia)

L’Adorazione dei Magi di Leonardo: recupero e conservazione del legno nelle opere d’arte
(Ciro Castelli – già capo tecnico restauratore Opificio delle Pietre Dure di Firenze)

Diagnostica ed analisi numerica del costruito storico, tra rigore normativo e questioni irrisolte
(ing. Alessandro De Maria – Servizio Rischio Sismico Regione Umbria)

Il caso studio della Basilica della Natività di Betlemme
(prof. arch. Claudio Alessandri – Università degli Studi di Ferrara)

Le fibre di basalto: esempi di applicazioni e compatibilità nel Patrimonio Storico Architettonico
(prof.ssa Maria Laura Santarelli – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *